Bando Home Care Premium: domande entro il 27.02.2015 - Comune di Casola Valsenio

Vai ai contenuti principali
 
 
 
 
 
 
 
Sei in: Home / Comune / Bandi e concorsi / Bando Home Care Premium: domande entro il 27.02.2015  
Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Invia per email
 

Bando Home Care Premium: domande entro il 27.02.2015

 

Bando Home Care Premium (HCP) 2014 per l’anno 2015

mini

 

 

L'INPS ha pubblicato ( www.inps.it sezione "In evidenza") l’avviso per l’avvio del nuovo progetto denominato “Home Care Premium” che durerà dal 01/03/2015 fino al 30/11/2015, al quale hanno aderito i 6 Comuni del faentino.

Il progetto è finalizzato alla cura a domicilio delle persone non autosufficienti, fornendo diverse tipologie di prestazioni da un minimo di 50 fino ad un massimo di 80 beneficiari.

Possono beneficiare del servizio i dipendenti ed i pensionati della Pubblica Amministrazione nonché i loro coniugi conviventi ed i loro familiari di primo grado, in condizione di NON autosufficienza, residenti nel territorio del Distretto di Faenza; le prestazioni vengono remunerate attraverso il Fondo Credito e welfare, finanziato dal prelievo obbligatorio sulle retribuzioni del personale della Pubblica Amministrazione in servizio.

 

Prestazioni previste

  • Prestazioni socio assistenziali prevalenti
     Sono erogate direttamente dall'INPS ai soggetti beneficiari, che usufruiranno di un contributo fino ad un importo massimo mensile di 1.200,00 euro, per la durata del progetto.
     Il contributo è variabile in relazione all'ISEE ed alla gravità della non autosufficienza ed è finalizzato ai costi sostenuti per la regolare assunzione dell’assistente familiare (badante).
    Dal contributo andrà detratto l'importo dell'indennità di accompagnamento o di frequenza e dell’assegno di cura, o altri contributi, se percepiti.
  • Prestazioni socio assistenziali integrative
     Si tratta di prestazioni di sostegno al domicilio, concordate ed eventualmente attivate dai Servizi Sociali del Comune di residenza, entro i limiti previsti dal progetto e variabili in relazione all'ISEE, che comprendono:
     - Servizi di assistenza domiciliare e di sollievo a domicilio
     - Servizi presso Centri diurni ed integrazione scolastica
     - Servizi di accompagnamento
     - Consegna pasti a domicilio
     - Installazione di ausili, dotazioni e domotica
    Rispetto al precedente progetto 2012 possono essere riconosciuti anche contributi a favore di residenti presso strutture residenziali pubbliche e private, erogati alla struttura ospitante, a riduzione della retta.

 

Come fare la domanda di assistenza

La domanda dovrà essere presentata dal 02/02/2015 e fino alle ore 12.00 del 27/02/2015 attraverso l'apposita sezione dedicata nel sito www.inps.it sezione “In evidenza”, a cura del medesimo soggetto Non Autosufficiente, o del familiare o dell’Amministratore di sostegno, o presso gli Uffici dei Servizi Sociali del Comune di residenza.

Per la presentazione della domanda occorre possedere o dotarsi di:

  • Codice PIN rilasciato da INPS attraverso la procedura online o presso gli sportelli delle sedi INPS; per chi possiede già il PIN, occorre aggiornarlo attraverso il sito INPS.
  • Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) rilasciata dai CAF abilitati e finalizzata ad acquisire la certificazione del nuovo “ISEE socio sanitario” del nucleo familiare in cui è collocato il soggetto non autosufficiente.

Iscrizione in banca dati

Prima di procedere alla compilazione della domanda occorre essere iscritti nella banca dati INPS-Gestione Dipendenti pubblici, ossia essere riconosciuti dall’INPS come potenziali richiedenti o beneficiari della prestazione. I dipendenti ed i pensionati pubblici risultano già iscritti.

Se il beneficiario della prestazione è il coniuge o un familiare di primo grado NON dipendente o pensionato pubblico, è necessaria la preventiva iscrizione nella banca dati compilando un apposito modulo scaricabile dal sito www.inps.it  nella sezione “Modulistica”, ed inviandolo alla Direzione Provinciale INPS di Ravenna insieme ad una copia di documento di identità valido.

Per informazioni o assistenza alla compilazione rivolgersi a:

  • Sportello Sociale attivato nel Comune di Faenza, nonché Uffici dei Servizi Sociali del Comune di residenza
  • Contact center telefonico dell’INPS numero verde 803 164

 

Avvio del progetto

Le domande di assistenza verranno valutate dalla Direzione Regionale INPS Emilia-Romagna che ne autorizzerà la “presa in carico” - in base all'ordine cronologico di presentazione - da parte dei Servizi Sociali del Comune di residenza, con l’avvio delle procedure relative a tutte le fasi di valutazione e ammissione alle prestazioni.

Verrà predisposto uno specifico Progetto assistenziale individuale a cura dell'Assistente sociale di riferimento, con il coinvolgimento attivo del beneficiario e dei suoi familiari o care giver. Una volta definito il progetto assistenziale, verrà sottoscritto il “patto socio-assistenziale” e si darà avvio alle prestazioni previste, dal mese successivo.

 

Recapiti e riferimenti

 

SPORTELLO SOCIALE D'INFORMAZIONE E CONSULENZA SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI DELL'AMBITO DI FAENZA
(orari d'ufficio)

FAENZA, via degli Insorti n. 2

presso Servizi Sociali Associati di Faenza

dal lunedì al venerdì ore 8.30 – 13.00

il martedì e il giovedì anche

ore 14.30 – 16.30

Tel. 0546/691800 – Fax: 0546/691809

BRISIGHELLA 0546/994419
CASOLA VALSENIO 0546/976515
CASTEL BOLOGNESE 0546/655824
RIOLO TERME 0546/77445 o 0546/77412

SOLAROLO

 

0546/618455 o 0546/618451
 
Documentazione: