Unione dei Comuni, prima riunione di Giunta dopo il voto - Comune di Casola Valsenio

Vai ai contenuti principali
 
 
 
 
 
 
 
Sei in: Home / Comune / Archivio notizie / Unione dei Comuni, prima riunione di Giunta dopo il voto  
Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Invia per email
 

Unione dei Comuni, prima riunione di Giunta dopo il voto

 
unione

Riunione, nel pomeriggio di giovedì 6 giugno, della Giunta dell'Unione della Romagna faentina, prima seduta dopo il voto amministrativo del 26 maggio scorso. Composta di diritto dai sindaci dei Comuni membri, la rinnovata Giunta è formata da Giovanni Malpezzi, sindaco di Faenza e Alfonso Nicolardi primo cittadino di Riolo Terme a cui si aggiungono Massimiliano Pederzoli, Giorgio Sagrini, Luca della Godenza e Stefano Briccolani neoeletti sindaci di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese e Solarolo.

Come previsto dallo Statuto in occasione delle consultazioni elettorali amministrative nei singoli Comuni, la Giunta ha proceduto all'elezione di Presidente e Vice Presidente e alla riattribuzione delle deleghe ai sindaci-assessori.

Confermato alla presidenza dell'Unione il sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi mentre, in qualità di Vice Presidente, è stato eletto il sindaco di Castel Bolognese Luca Della Godenza.

Giunta_-Unione

Queste le nuove deleghe.

Giovanni Malpezzi (Presidente):attività istituzionali e legali, servizi socio sanitari, servizi educativi, politiche abitative, politiche giovanili, politiche di genere, politiche per l’integrazione, protezione civile.

Luca Della Godenza (Vice Presidente): personale e organizzazione, comunicazione, politiche territoriali e ambientali, urbanistica, pianificazione strategica, sicurezza, polizia locale.

Stefano Briccolani: programmazione, bilancio e tributi, patrimonio, organismi partecipati, sport.

Alfonso Nicolardi: lavori pubblici, mobilità pubblica, viabilità e verde urbano, Parchi, appalti, sistemi informativi, demografia e statistica.

Massimiliano Pederzoli: attività produttive, politiche agricole e risorse idriche, politiche europee e gemellaggi.

Giorgio Sagrini: politiche forestali, demanio, politiche per la montagna, turismo e cultura, partecipazione e associazionismo.